Session: l’app di messaggistica che punta sulla privacy

317

Session è un app, nata a fine dicembre 2019, che si pone l’obiettivo di fornire un servizio di messaggistica decentralizzato

Decentralizzazione dei messaggi

La maggior parte dei servizi di messaggistica utilizzano server che registrano tutte le attività, memorizzandole nei file log. Questi sono dei file in cui vengono registrati dati come: l’attività, l’utente, l’orario, gli indirizzi IP, e altro. Inoltre la rete dei server è caratterizzata da più nodi in cui sono memorizzati tutti questi dati (o parte di essi).
Nella decentralizzazione il controllo è distribuito tra i partecipanti al sistema, piuttosto che essere detenuto da un’autorità centrale. 

I Vantaggi della decentralizzazione

Con la decentralizzazione si limitata fortemente la possibilità che una persona riesca ad accedere ai dati contenuti nel nodo. Per accedere ad una certa informazione, si dovrebbe risalire a tutti i nodi attraversati tale informazione. Nel caso della distribuzione decentralizzata, però, i nodi non memorizzano nessuna informazione. Questo quindi costituisce una forma di protezione dei dati di alto livello.

Un’altro grande vantaggio riguarda la stabilità del sistema: in caso di problemi ad una parte della rete, non ci sarebbero ripercussioni in tutto il resto sistema.

Infine, non esistendo un’autorità centrale, non si corre il rischio di censure o limitazioni nelle comunicazioni. Questo aspetto, però, implica una conseguenza importante: la facilità di scambio di messaggi nell’ambito di attività illegali, difficilmente tracciabili. 

Session: come funziona l’app

Al primo avvio l’app fornisce una breve introduzione sul funzionamento della decentralizzazione e chiede se si vuole creare un nuovo ID o continuare con account esistente.  

Session

Creando un nuovo account viene generato un ID unico con cui le persone potranno contattarci, senza nessuna correlazione con la nostra vera identità. Successivamente ci viene chiesto di scegliere un nickname visibile durante l’utilizzo. Infine, ci verrà mostrata una “frase chiave” da utilizzare in caso di ripristino. 

Come una classica app di messaggistica anche Session supporta chat di gruppo, con due modalità di encrypting: lato server e lato client. Due modalità diverse anche per quanto riguarda la crittografia end-to-end: encrypting per ogni partecipante oppure con chiavi per gruppi medio-piccoli il cui numero di partecipanti cambia sporadicamente. Riguardo questi punti si possono trovare maggiori informazioni nel paper ufficiale (pagina 13).

Disponibilità per il download di Session

Session è disponibile negli store degli smartphone ma anche per Linux, MacOS e Windows, nella pagina dedicata