Ghostly: eliminata l’app per spiare i profili privati su Instagram

522

Ghostly, l’app che permette di spiare i profili privati su Instagram, è stata giudicata pericolosa per la privacy e in contrasto con le linee guida del social e dei principali store di app.

Instagram ha di recente eliminato la funzione “Seguiti”, che dava la possibilità di spiare i propri follower. Questo ha spinto sia Apple che Google ad aumentare le misure di sicurezza per impedire ad app alternative di svolgere le stesse funzioni, andando a violare la privacy degli stessi utenti. Ghostly è una di queste app.

Ghostly: i motivi della sua rimozione

La decisione è stata presa per garantire la sicurezza degli utenti, come accaduto per la recente rimozione di Like Patrol (app che permetteva di monitorare l’attività di un altro utente).

Ghostly è una delle applicazioni più conosciute dagli utenti per controllare i profili altrui senza farsi scoprire. L’app permette di vedere anche i profili privati, ovvero quelli i cui contenuti possono essere visualizzati solo se l’utente “privato” accetta la richiesta di follow.

Il tutto è possibile inserendo semplicemente le proprie credenziali di accesso: in questo modo si accede a un vero e proprio Instagram alternativo e senza limiti.

A rischio anche la privacy di chi usa l’app

Da quel che emerge, pare che Ghostly violi anche la privacy di chi la utilizza.
L’app è strutturata attraverso un sistema a inviti, che permette di far accedere a ulteriori opzioni semplicemente invitando altre persone a scaricare l’applicazione. In questo modo, l’app raccoglie i dati di accesso e le informazioni degli utenti che accettano l’invito.
Tutto questo, però, è destinato a terminare a breve.

Instagram ha quindi prontamente invitato gli sviluppatori di Ghostly a rimuovere questa funzione che va apertamente contro i termini e le condizioni del popolare social.