OMS: niente schermi per i bambini sotto i due anni!

317

L’OMS, l’Organizzazione Mondiale della Sanità, detta le nuove linee guida per la tutela dei minori: non far usare ai bambini sotto i due anni nessun tipo di schermo (PC, Tablet e Smartphone). Il sedentary screen time massimo in tenera età deve rigorosamente essere di zero minuti e zero secondi. 

“Sedentary screen time”: tempo trascorso passivamente guardando intrattenimento su uno schermo (TV, computer, dispositivi mobile). Non include giochi attivi a schermo in cui vengono richiesti attività fisica o movimento.

Questa è la definizione che ne dà l’OMS.

Le ragioni del divieto si basano sulla quantità e la qualità del sonno di cui hanno bisogno i bambini nelle loro primissime fasi di vita. Ad esempio nei primi mesi devono dormire tra le 14 e le 17 ore — come riporta il Corriere della Sera —, e fino ai tre anni di vita questo numero scende solo lievemente, passando a 11-14 ore. I bambini sotto i 4 anni hanno sempre bisogno di almeno 10 ore di sonno.

L’esposizione ad uno schermo di un qualsiasi device impatta sugli equilibri dei bambini, e dunque anche sulla loro salute. LOMS spiega che la prima esposizione ad uno schermo non deve rigorosamente avvenire prima dei 24 mesi.

In sintesi, il sedentary screen time dovrebbe essere gestito in questo modo:

  • 0 ore per i bimbi sotto i 12 mesi
  • 0 ore per i bimbi di 1 anno
  • 1 ora o meno per i bimbi dai 2 ai 4

Il discorso riguarda anche le abitudini dei bambini: usare smartphone e tablet fin dalla tenera età significa acquisire un imprinting scorretto, andando a creare un’abitudine negativa che rischia di protrarsi per tutta la vita.