Twitch: ridotto il costo degli abbonamenti anche in Italia

38
Twitch
Pubblicità

Twitch, dopo gli annunci fatti qualche tempo fa, ha finalmente ridotto il costo dell’abbonamento di livello 1 anche in Italia. La riduzione è pari al 20% del prezzo originale, ovvero si passerà dagli attuali 4,99€ a 3,99€

Una riduzione che, seppur sembri piccola (“soltanto” 1€), sul lungo periodo potrebbe rivelarsi davvero vantaggiosa per tutti quegli utenti che supportano mese dopo mese i loro streamer preferiti.

Pubblicità

Il cambiamento, però, non sarà immediato e subito disponibile per tutti. Verrà infatti distribuito gradualmente e sarà necessario attendere qualche giorno affinché sia visibile. Ovviamente, la modifica sarà automatica e non richiederà l’intervento degli utenti.

Twitch: i motivi di tale cambiamento

Twitch, attraverso l’analisi dei dati in suo possesso, aveva rilevato che in diverse aree del mondo, soprattutto quelle in cui c’è minor benessere economico, la maggior parte degli utenti non era nelle condizioni di sottoscrivere un abbonamento o di regalarlo ad altri utenti.

L’azienda ha quindi ritenuto di dover prendere provvedimenti in tal senso e rendere Twitch una piattaforma più inclusiva e accessibile a tutti

A conferma di ciò sono arrivati i dati, parecchio incoraggianti, provenienti dai due Paesi in cui questa modifica è stata sperimentata, ovvero Messico e Turchia. Grazie alla riduzione di prezzo (molto più accentuata che in altri Paesi), si è riscontrato un aumento significativo di abbonamenti sottoscritti e/o regalati

Se, quindi, da un lato la novità risulta essere vantaggiosa per gli utenti, dall’altro risulta altresì vantaggiosa per gli streamer e i content creator, i quali potrebbero vedere un significativo incremento negli abbonati ai loro canali.

Prime Gaming: una sub mensile gratuita per gli utenti Prime

Twitch, come noto, è di proprietà di Amazon e perciò è stata inserita all’interno dell’universo di servizi inclusi nell’abbonamento a Prime.

Nello specifico, ogni mese è possibile usufruire di una sub gratuita da utilizzare su un qualsiasi canale a cui non si è già abbonati. Si potrà quindi usare per supportare il proprio streamer preferito oppure per dare, di volta in volta, supporto a streamer diversi.

Ricordiamo che l’abbonamento ad Amazon Prime ha un costo ridotto per gli studenti universitari grazie al programma Prime Student, con il quale il costo della sottoscrizione è dimezzata per i primi 4 anni (o fino al momento della laurea).

Leggi anche: Netflix: sempre più vicina la fine degli account condivisi?

Pubblicità