DAZN: dietrofront sull’addio alla concurrency. Il comunicato ufficiale.

30
DAZN abbonamenti
Pubblicità

Pochi giorni fa, come vi avevamo riportato in questo articolo, erano circolate alcune indiscrezioni secondo le quali DAZN era in procinto di annunciare la fine della concurrency. La notizia aveva sollevato pesanti critiche, spingendo moltissimi utenti a riversare il loro malcontento sui social (alcuni dei quali avevano già iniziato a disdire i propri abbonamenti).

La concurrency, ricordiamo, è la possibilità per due utenze distinte di poter visionare contenuti, in contemporanea, utilizzando un singolo account abilitato.

Pubblicità

A seguito quindi dell’agitazione sollevata e per placare (momentaneamente) le acque, DAZN ha deciso di diramare un comunicato ufficiale col quale si fa chiarezza sulle intenzioni dell’azienda. Di fatto, la società ha annunciato un vero e proprio dietrofront (ad una notizia che, di per sé, non aveva mai realmente confermato, ndr.).

DAZN: arriva il dietrofront in un comunicato ufficiale

Ecco quindi la nota stampa con cui DAZN ha chiarito la sua posizione in merito alle indiscrezioni circolate:

In riferimento a quanto riportato nei giorni scorsi da diversi organi di informazione, DAZN desidera precisare la sua posizione relativamente all’utilizzo dell’account legato al proprio abbonamento.

  • Nelle “Condizioni di utilizzo”, consultabili al link https://www.dazn.com/it-IT/help/articles/terms-it, attualmente in vigore, è chiaramente indicato che “Il servizio DAZN e tutti i contenuti visualizzati attraverso lo stesso, sono ad esclusivo uso personale e non commerciale.
  • Inoltre: la password – per accedere al Servizio DAZN – deve essere mantenuta al sicuro, i codici di accesso non devono essere condivisi con nessuno o essere in altro modo resi accessibili ad altri.” 
  • E ancora, l’abbonamento dà diritto all’utilizzo del Servizio DAZN su un massimo di due (2) dispositivi contemporaneamente. L’utente accetta che i dati di login siano unici per lo stesso e non possano essere condivisi con altri. 

In tale contesto, abbiamo consentito la visione su due dispositivi, in maniera contemporanea, attraverso lo stesso abbonamento, per offrire un’esperienza personale più ricca all’interno di un unico contesto domestico. Fin dall’inizio del Campionato di calcio di Serie A abbiamo constatato un considerevole incremento di comportamenti non corretti che non può essere ignorato. Tuttavia, nel rispetto di coloro che usano in modo corretto la condivisione e con l’obiettivo di tutelare l’interesse dei nostri abbonati, nessun cambio verrà introdotto nella stagione in corso. Per concludere, auspichiamo che l’attenzione sollevata dalle indiscrezioni circolate, porti ad una riflessione seria e concreta sul tema degli abusi contrattuali e della pirateria, aspetti che riguardano tutto il mondo delle OTT e non solo DAZN. Il nostro impegno continuerà ad essere costante e, come sempre, siamo pronti a lavorare insieme a istituzioni, autorità e con tutte le parti coinvolte e interessate. Approfondiremo questo discorso nel corso dell’incontro di martedì 16 novembre con il Ministro Giorgetti durante il quale illustreremo anche le proposte di rimodulazione e ampliamento delle nostre offerte con l’obiettivo di mettere al centro i consumatori.

Come si evince dalle parole di DAZN, per tutto il corso della stagione sportiva attuale non ci saranno cambiamenti alle condizioni di utilizzo. Tuttavia l’azienda ci tiene a precisare che la questione sugli usi illeciti dei servizi di streaming non debba essere presa sotto gamba.

Non perdere nessuna delle nostre News!

La questione si prospetta molto interessante e il team di yourSmartVillage continuerà a tenervi informati sui futuri sviluppi. Per non perdere tutti gli aggiornamenti su questo ed altri temi, vi invitiamo a seguirci sul nostro canale di News, presente tra i nostri Canali Ufficiali

Pubblicità