OnlyFans: addio ai contenuti per adulti troppo espliciti

30
OnlyFans
Pubblicità

OnlyFans, il noto sito di contenuti “privati”, ha annunciato a sorpresa che, dal prossimo ottobre, sulla piattaforma saranno vietati tutti i contenuti “sessualmente espliciti”. Saranno quindi banditi fotografie e video che ritraggono situazioni troppo spinte. Sarà comunque permessa la “nudità” ma solo a patto che rispetti le linee guida imposte dai gestori della piattaforma.

L’annuncio, come è facile immaginare, è stato un fulmine a ciel sereno. Era ormai palese che OnlyFans fosse divenuta famosa per via dei contenuti hot proposti a pagamento. Il cambio di rotta, dunque, avrà un grosso impatto su coloro che proponevano tali contenuti.

Pubblicità

OnlyFans: le motivazioni dietro la sorprendente scelta

La società, in una nota, ha chiarito le motivazioni dietro questa decisione. Il cambio di rotta, come affermato, si è reso necessario “per soddisfare le richieste dei nostri partner bancari e fornitori di pagamenti”. In sostanza l’azienda, nel tentativo di attrarre investitori o comunque mantenere quelli attuali, ha dovuto allinearsi ad un certo tipo di visione nella quale i contenuti “hot” non sono ancora stati sdoganati.

Nella nota si legge inoltre che: “Per garantire la sostenibilità a lungo termine della piattaforma e per continuare a ospitare una comunità inclusiva di creatori e fan, dobbiamo evolvere le nostre linee guida sui contenuti. I creator continueranno ad essere autorizzati a pubblicare contenuti contenenti nudità purché siano coerenti con la nostra Politica di utilizzo accettabile.”.

L’azienda non ha rilasciato ulteriori commenti, neanche per chiarire quali siano i confini entro i quali la “nudità non sessuale” potrà essere collocata.

Quel che è certo è che ci saranno una serie di controlli sui creators prima che questi possano caricare contenuti su OnlyFans. Le verifiche, come di consueto, saranno svolte sia da sistemi automatizzati che da controllori umani.

Leggi anche: Twitch: ridotto il costo degli abbonamenti anche in Italia

Pubblicità