TIM: furto di credenziali tramite Data Breach? Cosa è successo?

23
TIM Data Breach
Pubblicità

TIM sta avvisando diversi utenti riguardo una potenziale violazione subita. L’azienda ha infatti comunicato di aver rilevato delle attività anomale sui propri sistemi, svolte da soggetti terzi ignoti, che potrebbero aver compromesso le credenziali di accesso a MyTIM

L’operatore ha comunque assicurato che i dati coinvolti non contengono informazioni relative ai sistemi di pagamento.

Pubblicità

TIM vittima di un Data Breach? La situazione.

Allo stato attuale, le notizie sull’accaduto sono poche e provengono quasi esclusivamente da TIM. Non si sa, ad esempio, il numero preciso di clienti coinvolti. 

Quel che è certo è che l’azienda ha rilevato movimenti sospetti sui loro sistemi. Questo vuol dire che, probabilmente, qualcuno è entrato sui server TIM. In sostanza, siamo di fronte ad un probabile e molto grave caso di Data Breach.

In via precauzionale, TIM ha bloccato le utenze e sta raccomandando agli utenti di cambiare la password. Oltre a ciò viene raccomandato di modificare la password in tutti i servizi per i quali se ne usava una simile.

Quest’ultima raccomandazione spingerebbe a pensare (si spera a torto) che le credenziali potessero essere conservate in chiaro e non sottoforma di hash.

Cosa fare quindi? Quali rischi si corrono?

La cosa più importante e urgente da fare, ricevuta o meno la comunicazione, è quella di cambiare la password di accesso a MyTIM. Ovviamente, in via precauzionale, se la password è stata utilizzata altrove è necessario cambiarla.

Il nostro consiglio, per quanto sembri scontato, è quello di utilizzare sempre password diverse per ognuno dei servizi a cui si è registrati.

Per quanto riguarda i rischi, tutto dipenderà da quanti e quali dati sono stati sottratti. Con molta probabilità ci si troverà davanti al concreto rischio di phishing (per via del furto di indirizzi email) ed anche di furto di identità (qualora fossero stati sottratti dati sensibili degli utenti). 

Per quanto riguarda i metodi di pagamento, l’azienda ha assicurato che non esiste il rischio che siano stati compromessi. Quindi, forse, le proprie carte o conti online potrebbero essere al sicuro.

La situazione, dunque, è preoccupante. Il team di yourSmartVillage la monitorerà e vi terrà prontamente informati sull’evolversi della vicenda.

Pubblicità